Storia di Mojud

Questa storia, nella quale stiamo per avventurarci oggi, è una delle storie più grandi.
Ha quella fragranza speciale che solo le storie Sufi hanno. É incomparabile.
Se non riesci a capire questa storia, non ti sarà davvero possibile capire il segreto della religione.
Quindi, raccogli tutto il tuo essere e la tua integrità per questi brevi istanti.
Ascolta con tutta la totalità che ti è possibile, diventa tutto orecchi.
Sii presente. In questa storia viene condiviso qualcosa di immenso valore.
Se capisci questa storia avrai capito il mistero della religione.
Se credi nell’impossibile, l’impossibile diventa possibile

Khidr, la misteriosa Guida dei Sufi

Mojud, l’uomo dalla vita inesplicabile

C’era una volta un uomo di nome Mojud. Viveva in una città dove occupava un posto di piccolo funzionario, ed era molto verosimile che avrebbe finito i suoi giorni come Ispettore dei Pesi e delle Misure.

Un giorno, mentre passeggiava nei giardini di una vecchia villa vicino a casa sua, gli apparve Khidr – la misteriosa Guida dei Sufi.

Era avvolto in un mantello verde scintillante e gli disse:

Uomo dal brillante avvenire! Lascia il tuo lavoro, e fra tre giorni incontrami in riva al fiume“. Ciò detto, scomparve.

Tutto trepidante, Mojud andò dal suo superiore e gli annunciò che doveva partire. Presto la notizia si sparse in tutta la città. Tutti dicevano: “Povero Mojud! È diventato matto“. Tuttavia, dato che c’erano molti candidati al suo posto, finirono ben presto per dimenticarsi di lui.

Il giorno stabilito, Mojud incontrò Khidr, che gli disse: “Togliti i vestiti e gettati nel fiume. Forse qualcuno ti salverà“. Mojud ubbidì, chiedendosi se non fosse diventato pazzo.

Dato che sapeva nuotare, non annegò, ma andò alla deriva per un po’ di tempo, prima di essere tratto in salvo da un pescatore. Mentre lo caricava sulla sua barca, questi gli gridò: “Uomo insensato! La corrente è molto forte da queste parti. Che diavolo stavi cercando di fare?“. “In verità, non lo so“, rispose Mojud.

Sei pazzo!“, disse il pescatore; “comunque, ti ospiterò nella mia capanna in riva al fiume e poi vedremo cosa si può fare per te“.

Quando si rese conto che Mojud era raffinato nel parlare, si fece insegnare a leggere e a scrivere. In cambio, il pescatore provvide al sostentamento di Mojud, che lo aiutò nel suo lavoro.

Alcuni mesi dopo, Khidr apparve di nuovo, questa volta ai piedi del letto di Mojud, e gli disse; “Ora alzati e lascia questo pescatore. Non ti mancherà nulla“.

Mojud lasciò immediatamente la capanna, vestito da pescatore. Camminò senza meta fino a quando non arrivò ad una strada importante. Allo spuntar dell’alba vide un contadino sul dorso di un asino che andava al mercato. “Cerchi lavoro?“, gli chiese il contadino, “perché mi serve un uomo che mi aiuti a portare delle provviste“.

Mojud lo seguì. Lavorò al servizio del contadino per quasi due anni, durante i quali imparò molto sull’agricoltura, ma quasi nulla su altre cose.

Un pomeriggio, mentre stava confezionando delle balle di lana, gli apparve Khidr che gli disse: “Lascia questo lavoro, cammina fino alla città di Mossul e con i tuoi risparmi diventa un mercante di pelli“. Mojud ubbidì.

A Mossul divenne presto un apprezzato mercante di pelli, e passarono tre anni durante i quali esercitò il suo mestiere senza mai vedere Khidr. Aveva messo da parte una considerevole somma di denaro e progettava già di comprare una casa, quando Khidr gli apparve dicendo: “Dammi il tuo denaro, lascia questa città e incamminati verso la lontana Samarcanda, dove lavorerai per un droghiere“. Ed è ciò che Mojud fece.

Poco tempo dopo cominciò a manifestare inconfondibili segni di illuminazione. Guariva i malati e nel tempo libero si prodigava per i suoi compagni del negozio. Mentre la sua conoscenza dei misteri si approfondiva di giorno in giorno.

Andavano a trovarlo ecclesiastici, filosofi, e molti altri ancora, e gli chiedevano: “Con chi hai studiato?“. “È difficile dirlo“, rispondeva Mojud.

I suoi discepoli gli chiedevano: “Come hai iniziato la tua carriera?“. “Come semplice funzionario“. “E hai abbandonato il tuo lavoro per dedicarti all’automortificazione?“. “No, ho semplicemente abbandonato il mio lavoro“. Ma loro non capivano.

Alcuni lo avvicinavano perché volevano scrivere la sua biografia. “Cosa sei stato nella tua vita?“, gli chiedevano. “Mi sono buttato in un fiume, sono diventato pescatore, poi ho lasciato la capanna dove vivevo nel bel mezzo della notte. Dopodiché sono diventato contadino. Mentre stavo preparando delle balle di lana ho cambiato i miei programmi e sono partito per Mossul, dove sono diventato un mercante di pelli. Ho messo da parte dei soldi che poi ho dato via. In seguito ho camminato fino a Samarcanda, dove sono entrato a servizio di un droghiere, dal quale mi trovo tuttora“.

Ma questo inesplicabile comportamento non getta alcuna luce sulle tue doti straordinarie e le loro meravigliose manifestazioni“, dicevano i biografi. “Si, è così“, rispose Mojud.

E fu così che per Mojud i biografi inventarono una storia appassionante e prodigiosa, perché tutti i santi devono avere un’agiografia che deve corrispondere alle aspettative del pubblico, e non alla realtà della vita.

E nessuno ha il diritto di parlare direttamente di Khidr. Ecco perché questa storia non è vera. Questa è la rappresentazione di una vita. Questa è la vita reale di uno dei più grandi Sufi.

1 comments
anna
anna

la favola più preziosa della mia infanzia...grazie!